Orco Cicli Sas, CF e PI 06880860967, via Pastrengo 7, 20159 Milano, Italia tel +39 3396151284 info@orcocicli.com
Trovate altre informazioni, modelli, foto, notizie sul nostro sito orcocicli e su facebook

giovedì 29 dicembre 2011

Erections, Ejaculations, Exhibitions and General Tales of Ordinary Madness

E il titolo di un libro di Henry Charles Bukowski, che in italiano suona meglio e più casto: Storie di ordinaria follia, e che ci ha creato non pochi problemi con faccialibro (che non ce lo voleva far passare, e ci è riuscita, abbiamo dovuto cambiare il titolo del post, e che addirittura dopo due sms ha minacciato di farci saltare l'account: bisognerebbe davvero pensarci, forse scrivere in italiano le stesse parole non susciterebbe le stesse immediate reazioni, magari domani proviamo) Comunque la nostra ordinaria follia è solo relativa al fatto che abbiamo deciso di infischiarcene delle feste e tenere aperto anche in questi giorni di vacanze, di natali, capodanni e ponti. 
Però, forse, ne valeva, ne è valsa, la pena. Abbiamo finalmente consegnato al suo legittimo proprietario la Spicciola color black green che ormai da troppo tempo era appesa, sia pure ammirata, nella nostra micro bottega: accidenti non l'abbiamo fotografata nemmeno una volta... Poi abbiamo gettato le basi (cioè definito un progetto/preventivo) per una nuova Spicciola con contropedale, recuperato i foderi "sanificati" per la inox corsa che però non riusciremo a saldare in questi giorni perché la lega T99 con il 60% di argento (che costa uno sproposito ma che è indispensabile) non è ancora arrivata (sembra proprio che siano/siamo davvero in pochi a fare telai inox nel mondo, e chissà quando ce la potranno consegnare). 
Poi, grazie alla nostra nuova attività di riparatori in tempo reale, abbiamo gonfiato gratis ruote, riparato gratis freni, rimesso a posto sempre gratis o facendoci sempre pagare meno del dovuto, ma sempre con regolare ricevuta fiscale, bici che ci facevano tenerezza. In due giorni abbiamo, per esempio, rifatto la serie sterzo massacrata alla bici di un nano, raddrizzato a mano i V-brake storti della mountain bike di un non comunitario molto alto, gonfiato le gomme a una coppia di giovani e teneri polacchi anglofoni (lei aveva una vecchia Olmo da spettacolo, chissà se poi i copertoni vintage hanno tenuto), rifiutato due volte di comprare la stessa cruiser in alluminio a 30 euro da due "proprietari" diversi (non è mica rubata, me l'ha data uno che che ci à il negozio qui dietro...), messo tante toppe e fatto ripartire/rifunzionare bici che avrebbero meritato più tempo, ricambi e soldi per funzionare al meglio.... Insomma storie di ordinaria follia, ma senza erezioni, eiaculazioni ed esibizioni, brutta la vita degli handmade bespoke bicycle makers! Buon anno a tutti voi: noi il 31 invece che al veglione andiamo a dormire assieme ai gatti che hanno paura dei botti (si va bene, Pisapia li ha vietati e ha fatto bene, ma come faranno i vigili a rincorrere i razzi?)


sabato 24 dicembre 2011

buon natale e buon anno

...direttamente dal 1946...auguri a tutti i ciclisti! (se aprite le pagine in un'altra scheda potete vederle ad alta risoluzione)







martedì 20 dicembre 2011

Gloria anni Cinquanta

Abbiamo appena ultimato il restauro funzionale e conservativo di una bicicletta Amf Gloria (qui una breve storia dell'antico marchio milanese) degli anni Cinquanta, un modello Sport Donna, montato però all'origine senza cambio e con carter chiuso. Ecco il catalogo 1950 e la bicicletta prima e dopo il nostro intervento.






lunedì 19 dicembre 2011

Finalmente la Nocs

Ha ricevuto la forcella che si meritava e che aspettava da quando è nata, curva e interamente in acciaio inox come il resto del telaio. Non è stato facile, ma ci siamo riusciti. Da domani iniziano gli stress test. Vi terremo informati.



domenica 18 dicembre 2011

Ramen!

È una Spicciola davvero speciale, montata tutta Campagnolo Pista (mozzi, guarnitura, serie sterzo) con pipa e manubrio Nitto Track, sella e nastro Brooks, cerchi Ambrosio Excellence e finitura ramata che ci ha dato non pochi problemi, tanto che a meno di trovare un nuovo "ramatore" non ne faremo più. Anzi, se conoscete qualcuno che sia in grado di ramare a spessore e di gestire l'intero processo (lucidatura del telaio, nichelatura, ramatura, rilucidatura e verniciatura protettiva) e ce lo segnalate vincete una maglietta "Orco Cicli" e avrete la nostra eterna gratitudine.
Ecco comunque l'ultima nostra fatica. Ramen!





martedì 13 dicembre 2011

Sabato 17 dicembre

La nostra bottega sarà chiusa, anche se probabilmente ci saremo domenica 18.  Il 17, infatti, saremo tutti (e invitiamo tutti) all'inaugurazione della Chiesa Pastafariana Riformata, a poche centinaia di metri dalla nostra sede. E se non sapete chi sono i pastafariani, potete scoprilo qui o qui e poi convertirvi e farvi venire a toccare dalla sua spaghettosa appendice in ciclofficina...


Ecco comunque il programma della giornata:

giornata pastafariana - programma minimo 

Il nostro programma è semplice 
mettere alle corde il sistema spettacolar-mercantilistico 
liberare energie per l'interazione compartecipata 
dare vita a gioiose TEZ (temporary empatic zone) 

ore 10 - apertura e pulizia della ciclofficina 
i semplici lavori manuali se svolti in modo consapevole sono un ottimo 
espediene per la calma interiore - questa sessione di pulizie è consigliata 
a tutti quelli che si sentono agitati e stressati 

ore 13 - consacrazione del tempio 
è arrivato il momento che tutti noi abbiamo aspettato per lungo tempo - la 
ciclofficina diventerà il tempio consacrato al mostro degli spaghetti 
volanti - santa graziella scatenata e tutte le divinità a noi benevol*. 
Diventa anche tu politeista neopagano - diventa pastafariano 

ore 14 - iniziazione e distribuzione di sacri spaghetti e sacre polpette 
(animali o vegetali) 
Non di solo spirito si nutre l'umanità - ricorda che anche il tuo corpo è 
un tempio - nutrilo con amore e cose buone - ti servirà durante il transito 
sul questo pianeta 

ore 16 - processione pastafariana 
celebreremo i nuovi iniziati con una festosa processione polifonica e 
multicolore 

Per tutta la giornata 
Porta un indumento e trasformalo in un oggetto di culto. 
Libere sessioni di serigrafia - crea da te il tuo sacro sudario 

musica confusa e diffusa 

relazioni empatiche - vin brulé e attacchi psichici 

Le sorelle e i fratelli 
della Ciclofficina La Stecca - Chiesa Riformata Pastafariana 

Sabato 17 dicembre 2010 
Vicolo de Castilla 
Quartiere Isola 
Milano 

Nota operativa aggiuntiva: 
Il programma è una ripartizione oraria di massima 
che troverà cambiamento a seconda delle condizioni 
relazionali che si instaureranno tra le sorelle e i fratelli 

RAMEN! 


martedì 6 dicembre 2011

...e anche le tazze!

Sono arrivate le nuove tazze di Mara, ovviamente dipinte a mano, ovviamente con su le biciclette, ovviamente uno spettacolo, ma giudicate voi... e affrettatevi se volete regalarle a Natale (magari avvolte in una maglietta)








giovedì 1 dicembre 2011

Adriano superstar! (ancora)

Non pago di essere uscito sul Venerdì di Repubblica, su innumerevoli blog e testate online e persino su CasaLuce (una rivista di produttori di lucernari, l'abbiamo scoperto per caso), Adriano, l'Orco Originario, questo mese campeggia anche nella foto di apertura di un'inchiesta che Ciclismo ha dedicato alle bici artigianali, inchiesta ahimè infarcita dai bla-bla dell'Orco che scrive e parla...
Domani in bottega stapperemo sciampagna?



martedì 29 novembre 2011

Questa (domani) sera...

Saremo qui ospiti di Leftloft e in buona compagnia, con biciclette, tazze e magliette (sì, sono arrivate le nuove magliette!). Vi aspettiamo rsvp.


sabato 19 novembre 2011

Pedersen?

Stiamo pensando di montare una Dursley Pedersen. Con un telaio non nostro, ma di Michael, un collega tedesco che di questo particolare tipo di biciclette ne sa senz'altro più di noi e che ancora oggi le fa solo su misura. Insomma, qualcuno dei nostri cinque distratti lettori, ops followers, vuole una Pedersen? Potremmo fargliela con una formula inedita del tipo che decidiamo tutto insieme e ci spartiamo oneri ed onori? Vi interessa? Scriveteci qui...grazie!


mercoledì 16 novembre 2011

Basta scuse!

I foderi forcella inox sono arrivati assieme ai canotti (o cannotti?) sterzo, teste e forcellini erano già in bottega: adesso la palla passa a Luigi che dovrà schiacciare, tagliare, piegare e saldare tutto ad argento. Poi dobbiamo trovare volontari pesanti che siano disposti a scapicollarsi giù dalle discese a 70 km/h per testare che le forcelle non sbattano. Ma abbiamo foderi di due spessori diversi per cui se la prima forcella, più sottile, salta, ci sarà sempre la seconda da provare... Cerchiamo appunto almeno due volontari over 80 kg, retribuibili forse con una maglietta (ma di quelle nuove!).

lunedì 14 novembre 2011

Se tutto funziona...

Avremo le nuove magliette molto prima di natale. I colori delle stesse sono indicativi, il prezzo competitivo ma ancora da stabilire, la qualità vedremo, ma ci hanno promesso più che buona (Fruit of the Loom "pesanti")... vi saremo sapere, ma sono gradite le prenotazioni (colore/misura): e magari regalarle dentro una tazza?


mercoledì 9 novembre 2011

Dalla bottega

Come promesso, ecco i cassettini finalmente riempiti e nobilitati dal perfetto lettering di Mara: c'è solo un problema, sinora andavamo a memoria e tastoni per trovare quello che cercavamo, adesso dobbiamo metterci gli occhiali per leggere cosa c'è e dove, ma è solo questione di abitudine...


Poi, una novità, direttamente dal Kent: assieme al resto, ci sono arrivate tre teste forcella e qualche forcellino. E allora, potreste dire, sarà mica una novità? Può darsi, ma sono in stainless steel, e l'inox si salda solo sull'inox... Voi conoscete forcelle inox? Noi no, almeno non ancora, ma speriamo di riuscire presto a farle, provarle e poi produrle per voi... stay tuned!


martedì 8 novembre 2011

RENOWNED THE WORLD OVER

È un biciclettone, il telaio misura 59 cm (c/c) di altezza e 61 di lunghezza, è nero e pesante, vecchio (data da definire, ma probabilmente compresa tra il 1904 e il 1921), quasi tutto originale e tutto funzionante. Le coperture, sicuramente più giovani, sono Pirelli Stella e la dinamo una italiana Dansi, ma per il resto, a parte i tacchetti dei freni e la sella che abbiamo dovuto sostituire, sembrerebbe tutta originale. Comprese le nichelature (non c'è cromo su questa bici!), i pedali con oliatore, i mozzi (quello posteriore con 40 fori), i cerchi e persino i raggi montati in modo che si incrocino senza toccarsi. Abbiamo dovuto solo registrare e ingrassare tutto, bloccare i pochi punti di corrosione e stendere un protettivo e la nostra Phillips "Renowned the World Over" e made in Smethwick, near Birmingham, England, è tornata a solcare il pavé milanese, mostrando la classe che solo una vecchia nobildonna inglese può avere. È in vendita, ma se non avete almeno una bombetta (una tuba sarebbe meglio), inutile che ci chiediate quanto costa/vale/la vendiamo.










sabato 5 novembre 2011

giovedì 3 novembre 2011

Adesso o mai più !

Due giorni interi di lavoro indefesso: dolcetto o scherzetto? No, ordine perdio! ci hanno permesso di trasformare la nostra bottega dal disastro precedente a così. Non succederà di nuovo (ci sono voluti due anni prima che lo facessimo), e comunque non capiterà spesso. Intanto, se volete, godetevela in ordine guardandola qui sotto, da domani sarà di nuovo diversa e di nuovo (molto) più incasinata...


Segnaliamo anche, a chi ci vuole bene, l'aggiunta di 30+6 cassettini sotto il bancone: quando Mara ci scriverà le etichette saranno perfetti e riusciremo, forse, a trovare anche quello che di solito siamo stati sicuri di avere, ma mai a ricordare dove fosse finito...

lunedì 31 ottobre 2011

De Rosa 1983 e Campagnolo del Cinquantenario

Non abbiamo messo le mani solo sulla Masi Prestige che vi abbiamo presentato qui, in questi giorni in bottega abbiamo messo a punto un'altra storica bicicletta italiana, una De Rosa tutta cromata montata con il gruppo Campagnolo del Cinquantenario, una versione speciale del Super Record (numerata, la nostra serie è la 7816) prodotta in edizione limitata nel 1983 e caratterizzata dallo scudetto placcato oro e dalla firma Campagnolo Tullio su ogni componente. La nostra De Rosa è completa, abbiamo solo dovuto cambiare le guaine e aggiungere i laccetti dei pedali (che per altro non erano compresi nel gruppo originale). Il telaio, che crediamo sia un Super Prestige o un Professional Slx, misura 54,5 x 54,5 ed è interamente cromato e in ottimo stato considerata l'età. Secondo Ugo De Rosa di telai cromati con il gruppo del Cinquantenario ne hanno fatti solo due o tre, soprattutto per esposizione, senza numerare le scatole movimento. Comunque sia, ecco le foto della bici, a cui dobbiamo ormai solo incollare i palmer, appena ne arriva una coppia migliore dei Clement "tuttaplastica" che abbiamo appoggiato sui cerchi solo per fare le foto. Cerchi Fiamme Verdi nuovi che abbiamo montato perché la bici ci era arrivata con cerchi da copertoncino (e senza puntapiedi: trovare e pagare quelli originali è stata una dispendiosa avventura). A dire il vero, il gruppo meriterebbe una buona lucidatura per farlo tornare a specchio come quando era nato, ma in bottega si riaperta la solita discussione:
- Sì così sembra nuovo come uscito dalla scatola, mentre in realtà ha quasi trent'anni, non avrebbe senso!
"Però lucido è più bello, così sembra più rovinato di quello che è in realtà..."
- Non è vero. Sono le foto che lo peggiorano, dal vivo è più bello e poi la bici non è in vendita (o forse sì?).
Insomma voi che ne pensate, lo dobbiamo lucidare o no?